1 September 2016

Ciak, si mangia!

In questi giorni tutti i riflettori sono puntati su Venezia: mentre si svolge la mostra internazionale del cinema noi vi presentiamo le migliori ricette e specialità della laguna

Fileni
Ciak, si mangia!

Il red carpet veneziano è pronto per essere calpestato dalle star più in voga del cinema. Pochi metri più in là, però, se volete fare una pausa tra una proiezione e l’altra, potete trovare molti posti interessanti in cui gustare le prelibatezze della laguna e ritemprare corpo e spirito: i cosidetti “bacari” ad esempio, le osterie tipiche in cui gustare i cicchetti, le tapas locali con baccalà mantecato, sarde, polpettine e calamari, mezzo uovo con acciughe accompagnati da un’ombra (un bicchiere) di buon vino. Ma non è questa l’unica specialità della casa: ecco altri piatti d’autore che meritano senza dubbio una “visione” molta attenta.

Sarde in saor

La tradizione marinara veneziana è racchiusa in questo piatto celebre: si tratta di sardine fritte condite secondo un’antica ricetta tipica a base di cipolle in agrodolce, uvetta e pinoli. Da gustare rigorosamente fredde magari accompagnate da castraure impanae, ovvero carciofini impanati.

Risi e bisi

È il piatto tradizionale della gastronomia veneziana: si tratta di un risotto con piselli cotti con tanta cipolla appassita e condita con sale, prezzemolo e pepe. Anche se è un piatto povero, è talmente popolare che il Doge era solito salutare la folla riunita per la commemorazione della morte di San Marco con un piatto di risi e bisi (i piselli erano considerati un segno di buon auspicio) in mano.

Fegato alla veneziana

Per gli amanti dei sapori forti ecco il celebre fegato alla veneziana: le interiora del vitello, o del maiale, sono cotte con cipolle bianche di Chioggia, olio extra vergine d’oliva e un po’ di vino bianco alla fine della cottura.

Polenta Pastissada

Questa non è una vera e propria specialità veneziana, ma veneta: è una specialità preparata con farina bramata e carne varia pasticciata, come manzo, pollo e prosciutto crudo e da mangiare sul tajer di legno, un tagliere tipico per far raffreddare la polenta.

Di certo le pietanze veneziane non finiscono qui: ci sono anche i bigoli, le moeche fritte, il risotto con i go (un pesce della laguna), il baccalà e tanto altro ancora. Ma questo è un altro film.


 

SE TI È PIACIUTO L’ARGOMENTO, LEGGI ANCHE

SCOPRI TUTTI I PRODOTTI

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.